Menu

COME SIAMO ORGANIZZATI

  • Reti di volontari: uno strumento indispensabile

Esistono già mezzi efficaci e poco costosi di prevenzione che potrebbero ridurre sensibilmente l'incidenza della malaria sulla popolazione, ma bisogna trovare il modo di metterli a disposizione di tutte le comunità. Per questo il primo passo della nostra campagna è la creazione di una rete di volontari locali che si faccia carico di questo compito attraverso il coinvolgimento di operatori sanitari locali e  gruppi/associazioni  che  ricevono una formazione sanitaria di base da trasmettere successivamente nelle scuole, famiglie e comunità.

  • Sensibilizzazione delle comunità e censimento

Sensibilizzazione delle comunità e nelle scuole sui comportamenti per prevenire la malaria e riconoscerne tempestivamente i sintomi . In molto casi la malaria è curabile, se si interviene in tempo. Censimento della popolazione, attraverso un'inchiesta allo scopo di determinare il numero di bambini e di donne incinte.

  • Distribuzione di zanzariera impregnate  

Distribuzione su larga scala di zanzariere impregnate d'insetticida, dando la priorità ai bambini e alle donne incinte. Monitoraggio del corretto utilizzo delle zanzariere attraverso visite periodiche alle famiglie.

  • Un ambiente più sano

Coinvolgimento delle comunità in attività per il miglioramento della situazione ambientale (pulizia periodica del quartiere o del villaggio, eliminazione delle acque stagnanti, protezione delle case dagli insetti ecc.)

  • Accesso ai farmaci

Creazione, soprattutto nelle zone rurali, di dispensari per la distribuzione di farmaci e kit diagnosi precoce  a prezzo ridotto o gratuiti.

  • L'Auto organizzazione

La forma organizzativa che adottiamo nella campagna Stop malaria è quella dell'auto-organizzazione: è la comunità di un villaggio o di un quartiere che si organizza per rispondere alle esigenze e risolvere i problemi sentiti da tutti, facendosi carico di ogni aspetto dell'iniziativa. Pur essendo appoggiata dall'Italia con fondi e materiali, la campagna non è un regalo giunto dall'esterno, ma si basa sul coinvolgimento della popolazione ed è guidata da gente del posto.

Essa aspira inoltre a coinvolgere e abilitare altre persone, per potersi estendere a luoghi diversi da quelli in cui è cominciata, in una moltiplicazione inarrestabile: per questo è fondamentale creare strutture umane che continuino ed espandano il lavoro, aggiungendosi ai promotori.

  • La Reciprocità

Un'altra caratteristica della campagna Stop malaria è quella della reciprocità: chi riceve aiuto si impegna a sua volta a darlo ad altri, in svariate forme, superando la passività e l'attesa che la soluzione dei propri problemi arrivi dall'esterno e impegnandosi invece in prima persona, da protagonista.

Oltre ai risultati concreti (per esempio, l'installazione di zanzariere in tutte le case di un villaggio o di un quartiere), diamo molta importanza al cambiamento delle persone e della loro mentalità: realizzare una cosa mai fatta prima e magari ritenuta inutile o impossibile e constatare i vantaggi che invece comporta alimenta la speranza, la fiducia nelle proprie capacità e la scoperta di un senso che vada al di là dei risultati concreti e immediati e aiuti nei momenti di difficoltà e scoraggiamento.



® 2018 | https://www.stopmalaria.it/
e-mail:

+39 06 89479213
+39 328 1757410

Ultimo aggiornamento: 10:50 - 15/09/2018
Privacy - Condizioni d'uso | Cookie Policy
Torna su...